8-11 octobre 2015 // Colloque Testi, rituali, esperienze spirituali (Villa Vigoni)

Cette rencontre est la troisième du projet européen triennal (2013-2015) intitulé : « Il Lato Oscuro della Tarda Antichità. Marginalità e integrazione delle correnti esoteriche nella spiritualità filosofica tardoantica » dirigé par moi-même, Luciana Gabriela Soares Santoprete (Universität Bonn – Alexander von Humboldt Foundation); Chiara Ombretta Tommasi Moreschini (Università di Pisa) et Helmut Seng (Goethe Universität, Frankfurt am Main).

Voici le résumé de la thématique de cette année :

Testi, rituali, esperienze spirituali
È indubbio osservare come la tarda antichità tenda a legare questi tre aspetti, talora connettendoli alla problematica di una dicotomia tra ragione ed elemento irrazionale o ‘suprarazionale’. I testi, interpretati secondo delle tecniche esegetiche, divengono “sacri” e rappresentano, per così dire, una sorta di laboratorio ove si formano dogmi e credenze, ossia una fabbrica di senso. Questo per esempio si verifica nella sfaccettatura esegetica che i vari testi assumono (per es. gli Oracoli Caldaici o i testi della tradizione orfica, ma anche autori canonizzati come Omero o i miti platonici). In tal modo, il sapere teorico fonda e costruisce dei rituali e delle pratiche religiose, come dimostra la ricca documentazione (testi teurgici, papiri magici), mentre, al tempo stesso, l’esegesi dei testi serve a giustificare la prassi rituale esistente. Tali testi, infine, si pongono come mezzo per avvicinarsi alla divinità, ovvero rappresentano un modo per consentire un’ascesa progressiva dell’anima. A ciò va aggiunta la dimensione dell’interiorità, dell’esperienza. Gli « esercizi spirituali » (anche in ambito filosofico) non devono essere disgiunti da altri tipi di esperienza, come per esempio mostrano i casi di preghiere inserite in un preciso rituale.

 


Vous aimerez aussi...